AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 26 settembre 2016

Tutti i fiori sono belli - Santa Teresa del Bambino Gesù (Dottore della Chiesa)

Nella ricorrenza della Festa di Santa di Santa Teresina, che cade il primo ottobre, ho scritto (meglio dire, l'ha scritto lei!) questo articolo per  il bollettino parrocchiale Insieme, pensando a quanto avrebbe potuto essere educativo per i bambini, ma certamente anche indicato agli adulti.  Di Teresa di Lisieux si conosce, a brevi linee, la sua altrettanto breve vita, ma pochi, immagino, hanno letto le sue opere. Ecco dunque uno stralcio che ritengo interessante.

TUTTI I FIORI SONO BELLI         
Santa Teresa del Bambino Gesù 
(Dottore della Chiesa)

Mi stavo chiedendo di cosa trattare riguardo alla Santa Patrona della nostra Parrocchia che non fosse già risaputo, soprattutto che potesse suscitare interesse nei nostri bambini. Pensavo anche alla pioggia di petali di rose, che rappresentano quel suo desiderio espresso in punto di morte: "Passerò il mio Cielo a fare del bene sulla terra. Farò scendere una pioggia di rose", Così isolato, questo pensiero di Teresina, ci porterebbe a credere che Teresa amasse solo quel fiore. Non è così, direi anzi che lei amava soprattutto gli umili fiori di campo.  Perché quindi usare parole mie, se lei stessa ne ha saputo dire così bene? Ascoltiamola.
Danila Oppio ocds

"Mi sono chiesta a lungo perché il Buon Dio facesse delle preferenze, perché tutte le anime non ricevessero un uguale grado di grazie; mi stupivo vedendolo elargire favori straordinari ai Santi che l'avevano offeso, come San Paolo e Sant'Agostino e che Egli costringeva, per così dire, a ricevere le sue grazie; o leggendo la vita dei Santi che Nostro Signore si è compiaciuto di coccolare dalla culla alla tomba, senza lasciare sul loro cammino alcun ostacolo che impedisse loro di elevarsi verso di Lui, e prevenendo queste anime con favori tali che non potevano fare a meno di conservare immacolato lo splendore della loro veste battesimale. Mi domandavo perché i poveri selvaggi, per esempio, morivano così numerosi prima di aver solo sentito pronunciare il nome di Dio... Gesù si è degnato di istruirmi su questo mistero, ha messo davanti ai miei occhi il libro della natura, e ho capito che tutti i fiori che ha creato sono belli, che lo splendore della rosa e il candore del Giglio non cancellano il profumo della piccola violetta o la semplicità incantevole della margheritina...
      

Ho capito che se tutti i fiorellini volessero essere delle rose, la natura perderebbe il suo manto primaverile, i campi non sarebbero più smaltati di fiorellini...Così accade nel mondo delle anime che è il giardino di Gesù. Egli ha voluto creare i grandi Santi che possono essere paragonati al Giglio e alle rose, ma ne ha creati anche di piccoli, e questi devono accontentarsi di essere delle pratoline e delle violette, destinate a rallegrare lo sguardo del Buon Dio quando lo abbassa ai suoi piedi; la perfezione consiste nel fare la Sua volontà, nell'essere quello che Lui vuole...Ho capito anche che l'amore di Nostro Signore si rivela tanto all'anima più semplice, che non oppone alcuna resistenza alla sua grazia, quanto all'anima più sublime;
infatti, dato che il gesto più proprio dell'amore è di abbassarsi, se tutte le anime assomigliassero a quelle dei Santi dottori che hanno illuminato la Chiesa con lo splendore della loro dottrina, il Buon Dio non scenderebbe abbastanza in basso giungendo fino al loro cuore; ma Egli ha creato il bambino che non sa niente e fa sentire solo deboli grida, ha creato il povero selvaggio che è guidato solo dalla legge naturale ed è fino al loro cuore che Egli si degna di abbassarsi, sono proprio questi suoi fiori di campo la cui semplicità lo rapisce...Discendendo in questo mondo il Buon Dio mostra la sua grandezza infinita. Come il sole rischiara sia i cedri sia ogni fiorellino, come se esso fosse l'unico sulla terra, così Nostro Signore si occupa in modo particolare di ogni anima come se essa non avesse uguali; e come in natura tutte le stagioni sono regolate in modo da far sbocciare nel giorno stabilito, sbocciare, anche la più umile margheritina, allo stesso modo tutto concorre al bene di ogni anima

Tratto da: "Storia di un'anima", di Santa Teresa di Lisieux . Scritto autobiografico A diretto a madre Agnese di Gesù (sua sorella Paolina)

Per festeggiare Teresina,  aggiungo qualche  floreale scatto fotografico di Padre Nicola Galeno OCD.







domenica 25 settembre 2016

Galleria d'arte: Akiane Kramarik e Dio

Non so se sia vero, ma certamente il prodigio di un dono ricevuto in precoce età, ha del miracoloso. Seguite la storia di questa ragazza, che ora ha 22 anni


Disegno di Akiane realizzato a soli 4 anni
Dipinto realizzato a 5 anni
Dipinto a 6 anni
dipinto a 7 anni
 Dipinto a 8 anni

 Dipinto a 9 anni
dipinto a 10 anni
dipinto a 11 anni
dipinto a 12 anni
Dipinto a 13 anni
Dipinto a 14 anni
Dipinto a 15 anni
Dipinto a 16 anni
Dipinto a 17 anni
Dipinto a 18 anni
Dipinto a 18 anni

Akiane (oceano in lingua lituana) continua a dipingere, non ha frequentato alcuna scuola, tutto le viene, a suo dire, da ispirazione divina. Ribadisco...credo sia vero, e credo che, in ogni caso, il dono precoce e prodigioso della sua arte figurativa, non sia imputabile al caso, ma a qualche cosa che proviene da una Forza superiore, dal suo Creatore!
Danila Oppio ocds

venerdì 23 settembre 2016

25° anniversario della Prima Messa di S. Pio da Pietrelcina

Ciclo sul 25° di Messa di S. PIO DA PIETRELCINA (S. Giovanni Rotondo 10-8-1935)


(oggi 23 settembre è giorno a lui dedicato)

L’IMMAGINETTA RICORDO

(Conservata nell’Album fotografico personale di D. Giuseppe Mazzanti)

DA  SOLO

(Parafrasi da P. Pio)

Lasciatemi soffrire
da sol senza carpirmi
la Croce benedetta...



 P. PIO MENTRE CELEBRA

(Foto conservata nell’Album fotografico personale di D. Giuseppe Mazzanti)
(Parma 31-1-2000), Padre Nicola Galeno)


SERVIRE DIO

(Epistolario vol. 2, lett. 16)

Gesù, tu vuoi provarmi... Più non sento
consolazione alcuna nel servirti,
eppure so che questo cuore mio
da sempre sol per te vuol palpitar!

(Sassuolo 18-8-2001), Padre Nicola Galeno

P. PIO ALL’ELEVAZIONE DEL CALICE

 (Foto conservata nell’Album fotografico personale di D. Giuseppe Mazzanti)

P. PIO E DON LUCIANO

La gente si stupisce nel vedere
uscir dal bugigattolo quel Frate,
dai penitenti sempre circondato,
ed abbracciar un prete sconosciuto
come se si trattasse d’un amico
che il cor da molto tempo sospirava...
Poi se lo porta nel confessionale
per dirsi solo quanto vuole Iddio!

(Ferrara 24-5-2010), Padre Nicola Galeno
.......................................

(Ferrara 23-9-2016)

mercoledì 21 settembre 2016

A ricordo di P. Enrico Cagnin (1924-2016) Missionario in Giappone

Ciclo su P. Enrico Cagnin (1924-2016, Missionario in Giappone, scomparso il 19 settembre 2016)




L’ANGELUS DELLA SERA

L’Angelus della sera si colora
di violacee tinte, salutando
il Missionario trasferito in Cielo...

(Ferrara 19-9-2016), Padre Nicola Galeno

 
NAGOYA, 8 DICEMBRE 2001, 50° DI FONDAZIONE DELLA MISSIONE

CONCELEBRAZIONE DEL CINQUANTENARIO A HIBINO (NAGOYA)


P. ENRICO E P. PIETRO ZANCHETTA
DURANTE UN CAPITOLO PROVINCIALE AD UJI

Si fanno tante chiacchiere fraterne,
aliene da qualsiasi ambizione,
odiando per natura i... cadreghini!





L’ACCOPPIATA VINCENTE
Il buon Enrico, furbo trevigiano,
pensava di carpir l’almo segreto
della longevità del gran Pertusi,
ficcandosi ai suoi fianchi. Il primo lascia
la terra sulla soglia dei cent’anni,
l’altro dei... novantuno si contenti!



SGUARDO ESTATICO
Enrico, non ti stanchi d’ammirare
quella fluente barba di chi viene
spesso a portarti il Corpo del Signore!

 
L’ACCANITO LETTORE
Volesti sprofondarti attentamente
nella lettura di quello strambotto
composto per l’omonimo toscano,
che a Pisa festeggiava il compleanno...

 
LA RECITA DEL ROSARIO CON YASUDA SAN 
Discepola e Maestro si ritrovan
insieme intorno al letto del dolore,
accomunati dallo stesso Amore
per la preghiera dolce del Rosario!


IL NOVANTUNENNE NEL GIORNO DEL COMPLEANNO 
Mi par d’indovinar un certo cruccio:
il peso più non sa tener il passo
del galoppante ritmo dell’età!


RICORDANDO IL CARO PADRE ENRICO

Ti voglio ricordar così, Fratello,
mentre cammini pensoso, impostando
novelle strategie per l’annuncio
del Cristo in questa terra tanto amata
fino a scordar la patria tua terrena...

(Ferrara 20-9-2016), Padre Nicola Galeno)



Riassumo gli orari delle esequie, che in Giappone sono sempre duplici:
Mercoledì 21 settembre ore 19 VEGLIA FUNEBRE;
Giovedì 22 settembre ore 11 FUNERALE

Nella foto sottostante inviatami da una cara fedele si vede la salma del confratello composta nella cappellina a fianco del Presbiterio. PN





BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi